Oggi si parla sempre più spesso di Server Leader, un mood nuovo e alternativo per accrescere e affermare la propria azienda sul mercato. Con questo tipo di dirigenza il “capo” non è solo colui che è ai vertici e a cui bisogna rendere conto, è soprattutto una persona che si mette al servizio dei suoi collaboratori con cui lavora in team in una condivisione di spazio, tempo e valori. In questo senso il leader/dirigente applica una politica d’azienda orizzontale ispirata niente meno a dei principi antichi come quelli insegnati dai grandi filosofi della storia greco romana. Sembra infatti che i futuri dirigenti per esercitare al meglio il loro ruolo di leadership dovranno integrare lo studio dell’economia aziendale, del marketing e di tutto ciò che concerne la responsabilità del successo di un’impresa alla filosofia, una delle materie più interessanti ma allo stesso tempo ostiche studiate al liceo. Gli insegnamenti di Platone e Socrate in merito a come comandare e guidare sono alla base di moltissime teorie che se applicate alle scelte aziendali comportano un sicuro successo. Curioso che già tra il 400 e il 300 a.C.Platone aveva esternato il concetto di leadership riconoscendo una gerarchia umana dove si collocano persone in grado di comandare e dirigere e altre invece destinate ad essere gestite.

Le nuove teorie di formazione internazionale hanno basi filosofiche

Le nuove teorie di formazione internazionale si rifanno proprio ai più antichi principi filosofici, ancora una volta il futuro volge una sguardo al passato ma solo per renderlo attuale e contemporaneo. Tre nuove tesi sono state espresse che sostengono una stretta relazione tra il mondo filosofico e aziendale: la teoria della Communicative rationality, quella della Philosophical counseling ed infine la Self-Determination Theory (SDT). Di origine tedesca la prima tesi afferma quel concetto imprenditoriale basato sul know-how al know-that dove il sapere teorico si trasforma grazie alla conoscenza e alla razionalità in sapere pratico. La seconda teoria invece ha un pregresso meno contemporaneo, nasce negli anni ’80 e si ispira a Socrate che sosteneva che solo conoscendo veramente chi hai di fronte si possono soddisfare i suoi bisogni: da qui l’esigenza d’analizzare con estrema ratio e attenzione non solo i clienti ma anche i propri collaboratori. Infine l’ultima teoria tende a motivare e a stimolare all’azione ribadendo la ricerca, necessaria soprattutto in ambito gerarchico aziendale, della propria affermazione e autostima. 

Ti è piaciuto questo articolo?

2 voti
Mi è piaciuto Non mi è piaciuto

Total votes: 2

Upvotes: 2

Upvotes percentage: 100.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%